14 Migliori Scarpe Trail Running 2022: i Consigli di un Trail Runner

14 Migliori Scarpe Trail Running 2022: i Consigli di un Trail Runner

Puoi essere un trail runner navigato, oppure un principiante, ma in entrambi i casi una cosa è certa… avrai bisogno di un paio di scarpe!

Argomento che ho trattato tante volte, ma che non si esaurisce mai, perché ne escono sempre di nuove.

Il nuovo anno ha portato tante nuove uscite, e accanto a queste abbiamo anche delle “evergreen” che continuano ad essere importanti.

Quindi, quali sono le migliori scarpe trail running che possiamo trovare nel 2022?

Secondo me sono almeno una quindicina… Vediamole tutte!

Ma prima scopriamo un po’ i vari marchi principali.

Le migliori marche del trail running

Quante sono le scarpe da trail running in commercio? Tantissime. E altrettante sono le aziende che le producono.

Si va dalle più famose e storiche, alle new entry che si stanno facendo conoscere.

Di sicuro l’offerta è moltissima ed è per questo che spesso diventa così difficile capire cosa prendere.

Hoka

Hoka è un marchio nato per mezzo di due ex dipendenti della Salomon.

Sono andati controcorrente rispetto al trend del momento, infatti alcuni anni fa, quando sembrava che il movimento delle scarpe minimaliste fosse destinato a prendersi metà del mercato, i due soci decisero di produrre una scarpa che andava nel senso opposto.

Quindi ecco che idearono scarpe iper-ammortizzate, grosse, e anche terribili dal punto di vista estetico.

Eppure, la determinazione ha ripagato… Hoka è oggi uno dei marchi più diffusi nel trail running e continua a crescere, insidiando fette di mercato che prima appartenevano ad altre storiche aziende.

Non posso non citare scarpe come le Speedgoat, o le Mafate. Ma anche le Torrent, e le Challenger.

E gli atleti che corrono con Hoka? Beh, sono molti, ma da ricordare sicuramente Karl Meltzer e Jim Walmsley.

Salomon

Sicuramente tra i brand più famosi, forse il più conosciuto sia per le scarpe ma anche per l’abbigliamento da trail.

I prodotti sono davvero tanti, al punto che a volte si fa confusione tra i vari modelli, come ad esempio la serie S/Lab, creata per gli atleti professionisti, ma non solo. Oppure le varie Sense.

Anche gli ambassador sono molti.

Un nome su tutti, che però ha recentemente preso altre strade, è Kilian Jornet. Ma bisogna citare anche il 4 volte vincitore dell’UTMB Francois D’Haene, uno spilungone che è davvero una bomba nel trail.

E ovviamente anche Courtney Dauwalter, regina di tantissime competizioni, forse la trail runner più forte al mondo.

La Sportiva

Forse il brand italiano più conosciuto nel mondo della montagna, che ha realizzato milioni di scarpette d’arrampicata e scarponi di eccellente qualità.

Ma diversi anni fa ha iniziato a creare anche scarpe da trail, diventando un punto di riferimento importantissimo per gli appassionati.

Un brand che ha sempre prodotto scarpe specifiche per le condizioni più dure che possiamo trovare nel trail, quelle vere da montagna.

Ricordiamo, tra le altre, i successi delle Ultraraptor, delle Akasha, delle Jackal, e molte altre.

Un ambassador che merita di essere nominato è sicuramente Michele Graglia, ex modello che vive negli Stati Uniti che ha letteralmente scoperto una nuova vita abbracciando le ultramaratone, vincendo competizioni a dir poco estreme, come la Badwater135…

Inov-8

Inov-8 è un marchio inglese nato diversi anni fa. Non particolarmente conosciuto in Italia, ma moltissimo nel suo paese d’origine.

Caratteristica che lo distingue è la capacità di realizzare scarpe particolarmente indicate per terreni fangosi, umidi, erbosi. Proprio quello che si trova nel Regno Unito.

Le Inov-8 sono le scarpe preferite di migliaia di fell runner, ovvero i trail runner di quelle zone, che amano mettersi alla prova nel Lake District, o in Scozia o sulle scogliere vicine alle coste.

Tra i migliori modelli sono da citare sicuramente le Terra… e le

Damian Hall è sponsorizzato da Inov-8, ed è fortissimo, ovviamente. Detiene il record di …

Saucony

Marchio americano, che ha una storia lunghissima, che risale addirittura ai primi del Novecento.

Molto diffuso anche nel settore scarpe casual, Saucony produce alcune eccellenti calzature da trail, in primis le Peregrine, amate da tantissimi appassionati di sentieri e che ora sono state anche riviste in meglio.

Oppure le Endorphine.

In entrambi i casi la qualità dei loro prodotti è elevata.

Altra

Se avete mai partecipato ad una ultramaratona saprete che i piedi, ad un certo punto, vogliono sentirsi liberi di muoversi dentro alla scarpa.

La filosofia di Altra sta proprio nel dare ai runner più comfort, a cominciare proprio da una scarpa più larga, così da evitare vesciche e fastidiose irritazioni.

Ma anche permettere una meccanica di corsa più naturale.

Su questo argomento, vedi anche il mio articolo sulle migliori scarpe a drop zero.

Restando su Altra, tra le migliori c’è sicuramente la Lone Peak, che vedremo dopo.

Topo

Il movimento minimalista trova alcuni punti di incontro nelle scarpe Altra, ma anche nelle Topo.

Nata non molti anni fa, sta crescendo molto bene grazie a delle scarpe ben progettate.

Scarpe create per dare il massimo del comfort, a partire dalla flessibilità e dalla sensibilità col terreno sottostante, ma mantenendo sempre protezione adeguata e aderenza.

Nike

Il marchio più famoso al mondo per quanto riguarda lo sport (e forse in assoluto?), Nike non ha bisogno di molte presentazioni.

Ma quello che forse molti non sanno è che non ha ideato solo accessori e scarpe da strada, ma anche modelli davvero ottimi per affrontare gli ambienti off-road.

Devo ovviamente citare le Pegasus, ma anche le Terra Kiger.

New Balance

New Balance è certamente una delle aziende sportive più famose.

Probabilmente una delle prime ad aver offerto scarpe anche in versione “wide”, ovvero più larghe per chi ha piedi di questo tipo.

Nel mondo del trail ha contribuito ad alzare l’asticella con modelli molto ammortizzati come quelle della linea “Fresh Foam”, scarpe dallo stacco elevato ma anche molto comode.

Dynafit

Anche Dynafit non è tra le più gettonate nel trail running, ma devo dire che ultimamente ha realizzato prodotti davvero buoni, come giacche ma anche scarpe molto valide.

Sicuramente ne sentiremo parlare di più in futuro.

Per adesso di interessante hanno le Ultra 50.

Brooks

Nel mondo del running da strada Brooks è tra i brand più diffusi. Le scarpe sono tantissime, dalle Levitate alle Ghost, ma nel trail non è da meno.

Ha infatti prodotto modelli del calibro delle Cascadia, amate anche dal mitico Scott Jurek, o le più recenti Catamount.

Nel 2022 ha anche investito di più in questo settore, ingaggiando anche nuovi atleti. Che sia l’anno della rinascita vera?

Scott

Scott non è tra i marchi più diffusi nel trail, ma ha realizzato alcune calzature degne di nota, come le Scott Supertrac Ultra Rc, che in tanti hanno amato.

Ora sono uscite anche le Supertrac 3, che sembrano promettere bene.

Cimalp

Azienda francese che produce abbigliamento da montagna e da alpinismo, Cimalp ha stupito con l’introduzione di un modello, le 864 Drop Evolution, che possono variare la misura del drop a seconda della soletta che si inserisce.

Davvero interessanti e molto utili per chi vuole fare passaggi da drop alti a bassi con gradualità, senza dover per forza comprare altre scarpe.

Asics

Anche qui le presentazioni sono inutili.

Asics però non è sempre stata molto attiva nel trail, anche se le sue Trabuco hanno avuto in passato una buona diffusione.

Recentemente, però, ha introdotto alcune nuove scarpe come le Trabuco Max o le Fuji Lite 2.

Scarpa

Prima dicevo che La Sportiva è forse il brand italiano più conosciuto nel mondo dell’abbigliamento e scarpe da montagna, e se è così allora il secondo più famoso è Scarpa.

A differenza di La Sportiva, che è trentina, Scarpa è invece una realtà situata in Veneto, per la precisione ad Asolo, e ha creato negli anni alcune delle migliori scarpette da arrampicata, ma anche scarponi e altro.

Nel trail running ha saputo offrire buoni modelli in passato.

Ma negli ultimi tempi da introdotto un cambio di passo con l’entrata nel team del grande Marco De Gasperi come manager, che ha portato un vento nuovo e ovviamente scarpe nuove, come le Ribelle o le Infinity.

Adidas

In questo settore Adidas ha dei prodotti interessanti, come le Terrex, che però non hanno mai avuto un enorme successo come altre aziende più specializzate.

Ultimamente sono arrivate le Terrex Agravic Ultra, che dalle caratteristiche non sembrano male.

The North Face

Altro grandissimo brand di montagna e alpinismo, The North Face si è messo a realizzare scarpe da trail molti anni fa, ma non aveva mai sfondato in questa nicchia (che ora nicchia non è più, visto il numero enorme di appassionati…).

Hanno invece dato una sferzata con l’introduzione della linea Vectiv, decisamente migliori di quelle del passato, alcune anche con l’aggiunta della piastra in carbonio che spinge il runner in avanti.

CMP

CMP è la branca da montagna dell’azienda Campagnolo.

Conosciuta ai più perché l’ambassador è l’incredibile Marco Olmo, colui che ha rivoluzionato il concetto di ultra e di età, vincendo l’UTMB, gara di circa 160 km, due volte di seguito a quasi 60 anni…

Sul piano dei prodotti sono più forti nell’abbigliamento, più che sulle scarpe, in particolare per i prezzi molto più accessibili di altri brand.

Le 14 migliori scarpe trail running 2022

Al momento in cui scrivo stanno ancora uscendo modelli nuovi e altri ne usciranno nel corso dell’anno. Aggiornerò questo articolo per includere tutte le novità che meritano attenzione.

Ma per il momento, ecco quelle che secondo me sono le più efficaci, comode, sicure, ovvero le migliori scarpe trail running 2022.

Hoka Mafate Speed 3

In sintesi: per lunghe distanze, ma anche versatili

Tra le scarpe che amo di più ci sono le Mafate Speed 3.

Per fortuna Hoka ha ben pensato di rifare anche il look a questo modello, che nell’edizione n.2 non era affatto carino… Ora invece sono veramente quasi perfette, anche dal punto di vista estetico.

Perché quasi? Secondo me si può ancora migliorare sulla suola: è ottima quasi sempre, ma ci sono occasioni in cui è meglio rallentare.

Ovviamente non si può chiedere tutto ad una scarpa che è anche molto versatile: per andare bene ovunque, deve avere anche dei limiti.

Altro aspetto sul quale si può lavorare è forse qualche millimetro in più di ampiezza sull’alluce, per evitare calli.

Per il resto, la considero una scarpa fantastica, che offre protezione, ammortizzazione, comfort, anche decente stabilità e aderenza.

Hoka Mafate Speed 3 (Dazzling Blue/Desert Sun,...
  • Materiale: Sintetico
  • Materiale Interno: Sintetico
  • Altezza Tallone: 33 mm

Inov-8 Trailfly Ultra G 300

In sintesi: trail al grafene, per le ultra

Uscita l’anno scorso, la Trailfly è una bomba di scarpa.

Caratteristica madre di questo modello è il grafene, materiale davvero incredibile che Inov-8 ha iniziato ad usare per prima e che in questo modello viene impiegato nella realizzazione della suola e dell’intersuola.

Il risultato è una scarpa che non solo è comodissima, ma ha anche super-ammortizzata, super-aderente al terreno, super-versatile.

Unico neo è il prezzo, ma è anche vero che la durata è molto elevata e quindi le possiamo usare più a lungo di altre.

La Sportiva Karacal

In sintesi: aderenza e stabilità, per sentieri difficili

Erano appena uscite le Jackal, ottime scarpe La Sportiva per le ultra, ma anche versatili per tutti gli usi. E subito dopo sono uscite anche le Karacal, che a guardarle sembrano proprio delle Jackal!

Invece siamo di fronte ad un diverso tipo di scarpa.

Le Karacal si fanno notare soprattutto per un grip fantastico. Sono a loro agio in tutte le situazioni, ma in particolare in quelle rocciose, grazie ad una suola che va oltre quella delle Jackal.

Offrono inoltre molta stabilità, qualità richiesta quando si è su sentieri tecnici. Altro aspetto che non delude affatto è la quantità di protezione che si avverte, sempre all’altezza, non abbiamo mai fastidi.

Di diverso dalle sorelle Jackal hanno anche l’ampiezza in punta, più abbondante, cosa che non si trova spesso nelle scarpe La Sportiva.

Dona sicuramente ulteriore comfort di marcia, pur preservando un’ottima tenuta su tutto il piede.

LA SPORTIVA Karacal, Scarpe da Trail Running Uomo, Nero Goji, 42...
  • Scarpe da trail running, ideali per campeggio e trekking da uomo
  • Scarpe sportive della LA SPORTIVA
  • Karacal, scarpe da trail running (46U999314)

Hoka Speedgoat 5

In sintesi: super-ammortizzate, per terreni difficili

Probabilmente le Hoka da trail più famose, le Speedgoat prendono il nome dalla “goat” per eccellenza, Karl Meltzer.

Sono scarpe molto ammortizzate, con un feeling morbido soprattutto al tallone.

Ma la caratteristica migliore è secondo me la suola, che essendo in Vibram Megagrip è superiore a tantissime altre.

Si attacca praticamente ovunque.

Sono scarpe adatte per tutte le distanze, ma soprattutto per le ultratrail di montagna.

Non sono particolarmente stabili, a mio avviso (e come potrebbe essere altrimenti, visto che sono grosse, alte e anche morbide…).

Quindi non le consiglio sempre per i sentieri più tecnici. Ma in realtà ho visto che basta abituarsi un po’ per migliorare l’affidabilità.

Per il resto, non serve dire altro, basta darsi un’occhiata in giro per capire quanti le apprezzano.

HOKA ONE ONE Scarpe Speedgoat 4 Donna, Antigua Sand-Anthracite,...
  • Il nome dell'atleta HOKA Karl "Speedgoat" Meltzer, Speedgoat è parte di una pluripremiata famiglia...
  • in altitudine a casa – dona sostegno in montagna e sicurezza. Materiale esterno in rete...
  • Supporti stampati 3D per un maggiore sostegno e sostegno del metatarso, per una corsa ancora più...

Saucony Peregrine 12

In sintesi: veloci sui sentieri tecnici

Le Peregrine sono sempre state delle buone scarpe.

Con la nuova edizione migliorano ancor di più e diventano a tutti gli effetti delle “must-have” se andiamo per giri brevi o medio-brevi su sentieri ripidi, discese tecniche, roccia, ma soprattutto fango.

Sul terreno morbido, infatti, è dove danno il meglio. L’aderenza di questa suola è eccezionale.

Ma sono anche scarpe che offrono molta stabilità, ecco il perché dell’efficacia sui terreni difficili.

Proteggono bene, ma non come alcune Hoka che “silenziano” tutto il fondo. In questo caso si è preferito bilanciare la protezione con la sensibilità e la precisione.

Scarpe davvero consigliate.

Offerta
Saucony Scarpe Peregrine 12 TG 44 cod S20737-16
  • Leggera - Più leggera del suo predecessore, la Peregrine 12 offre più velocità sul sentiero. Rete...

Hoka Tecton X

In sintesi: le migliori Hoka da trail?

Tra le ultime uscite di casa Hoka abbiamo le Tecton.

Molti non si aspettavano di vedere delle scarpe così buone, che sembrano sorpassare anche le Speedgoat in termini di prestazioni, anche se non sui terreni più impervi.

Il motivo è che le Tecton sono molto leggere, molto protettive, molto ammortizzate ma mai troppo morbide, e soprattutto montano un’intersuola con una nuova schiuma e una piastra di carbonio che assieme fanno meraviglie nel dare dinamicità e spinta.

Le Hoka Tecton non sono ancora in vendita in Italia ma lo saranno presto.

Brooks Catamount

In sintesi: door-to-trail, per uscite veloci su terreni misti

Nonostante ci siano anche le Cascadia, sempre ottime e affidabili, secondo me le migliori in casa Brooks sono ora le Catamount, uscite nel 2020.

Sono molte reattive e veloci, leggere e traspiranti, ben ammortizzate, hanno anche un grip molto buono. Inoltre sono ottime sull’asfalto, quindi delle vere door-to-trail, ovvero delle tuttofare.

Ideali per uscite veloci, a ritmo sostenuto, su terreni off-road ma che non sono troppo tecnici.

Davvero un gran bel paio di scarpe.

Brooks Catamount, Scarpe da Corsa Uomo, Black/Nightlife, 44 EU
  • Scarpe da running
  • Nuova intersuola DNA FLASH per un'esperienza di corsa incredibilmente leggera ed elastica
  • Trazione incredibile sia in salita sia in discesa, e su superfici scivolose

Altra Lone Peak 6

In sintesi: protezione e drop zero

Altra si distingue principalmente per 3 motivi: il loro differenziale tacco-punta, che è sempre pari a zero; l’ampiezza che lasciano sulla dita dei piedi, per aumentare il comfort; e infine la protezione dal fondo.

In questo caso di protezione ce n’è abbastanza, ma si ha anche sensibilità e quindi si sente cosa c’è sul sentiero. Una qualità che piace a molti runner.

La suola è davvero efficace e anche questo non ci sorprende. Perfetta per tutti i tipi di terreno montano.

Ottime sia per giri brevi che per ultradistanze, le Lone Peak 6 sono ancora una volta la conferma che Altra sa fare scarpe eccellenti.

Sicuramente tra le migliori scarpe trail running 2022.

Occhio, però, al drop zero di cui dicevo prima. Se non siete abituati a questa misura, dovete fare un periodo di transizione, molto graduale, onde evitare infortuni.

Salomon Ultra Glide

In sintesi: comode e versatili, soprattutto per le ultra

Un modello così ammortizzato e morbido non c’era nel catalogo della Salomon.

Ma i tempi sono decisamente cambiati, e anche l’azienda francese ha iniziato ad ascoltare i commenti di molti, che trovavano le scarpe un tantino troppo secche per affrontare le lunghe distanze. Inoltre chiedevano di avere più spazio per i piedi.

Ecco che allora hanno realizzato le Ultra Glide, dal tocco morbido su tutta la lunghezza del piede, e dal comfort molto elevato, dovuto anche all’ampiezza “maggiorata” rispetto alle altre.

Le dita sono effettivamente più libere di muoversi e questo è un gran bel vantaggio dopo tante ore di corsa.

La suola Contagrip MA si adatta a molte superfici diverse, esattamente quello che serve durante giri lunghi o un’ultratrail, dove si passa dal fondo compatto di terra all’erba, per poi spesso proseguire su sentieri rocciosi, o in condizioni di bagnato.

Certo, nei tratti più difficili, o in quelli molti ripidi in discesa le UltraGlide non sono sempre all’altezza, ma in generale Salomon ha creato un gran bel prodotto.

Forse da migliorare la suola, che si consuma un po’ troppo in fretta.

SALOMON Ultra Glide, Scarpe da Trail Running Uomo, Monument Pearl...
  • Scarpe da trail running ideali per campeggio e trekking da uomo
  • Scarpe sportive della marca Salomon
  • Scarpe da trail running SHOES ULTRA GLIDE (L41430800)

Salomon S/Lab Ultra 3

In sintesi: costose, ma quasi perfette in montagna

Salomon sa fare le scarpe da trail. Magari ha sempre preferito la stabilità e la precisione al comfort, ma per un motivo molto semplice: in questo modo ci si muove meglio in montagna.

É quello che hanno fatto anche con queste, uscite nel 2020 ma ancora tra le migliori scarpe da trail running.

Che non sono solo molto leggere, ma hanno protezione, reattività, tanta aderenza e possono accompagnarci benissimo anche sulle lunghe distanze.

Le Ultra 3 sono delle scarpe quasi perfette, forse il prezzo è l’unico svantaggio di questo modello, creato con gli atleti in mente, ma destinato anche a tanti appassionati.

The North Face Vectiv Enduris

In sintesi: tuttofare molto affidabili

Come dicevo sopra, North Face non è mai stata particolarmente famosa tra i trail runner, ma con l’ingresso della linea Vectiv ha fatto cambiare idea a molti runner.

Perché le Vectiv sono molto interessanti, in tutte le versioni, quindi sia le Flight che le Infinite, ma soprattutto le Enduris, che a mio parere sono forse le migliori delle tre.

La Enduris è quella più ammortizzata e si nota immediatamente.

La calzata è precisa, si adatta bene al piede ma senza stringerlo.

Forse il punto più particolare di queste scarpe è la presenza di una piastra, di cui ho parlato anche in altri articoli. Si tratta di una nuova tecnologia che in pratica “spinge” il piede in avanti, migliorando la dinamica di corsa e le prestazioni.

Anche il grip non è affatto male, forse mostra i suoi limiti solo sul bagnato.

Tra l’altro sono molto versatili in quanto ci si può correre anche sull’asfalto per brevi tratti.

Salomon Sense Ride 4

In sintesi: tra le migliori door-to-trail

Forse uno dei modelli meglio riusciti per Salomon, le Sense Ride sono la scarpe adatte un po’ per ogni situazione.

Le ho usate e le uso tuttora quando corro su sterrati e sentieri di collina, perché la loro suola è fatta di tasselli non troppo pronunciati, adatti per fondi compatti e anche strade asfaltate.

Il bello delle tuttofare è proprio questo: le possiamo usare anche sulla strada, per chilometri, senza per forza rimpiangere di avere ai piedi delle stradali.

Ma le Sense Ride 4, pur non essendo nate per questo, sono ottime anche quando il sentiero si fa molto ripido, perché l’aderenza è sempre buona e non sono affatto ingombranti come altri modelli, ma mantengono una più che ottima agilità.

Attenzione però a non scambiare quella “zeppa” che hanno sul tallone per un cuscinetto morbido, perché non lo è. Si tratta di un’ammortizzazione compatta e densa, che offre tanta protezione ma non l’effetto che potrebbero dare delle Speedgoat.

SALOMON Sense Ride 4, Scarpe da Trail Running Uomo, Multicolore,...
  • Scarpe da trail running ideali per campeggio e trekking da uomo
  • Scarpe sportive della marca Salomon
  • Scarpe da trail running Shoes Sense Ride 4 (L4145000)

Scarpa Spin Infinity

In sintesi: ammortizzate e divertenti

Anche Scarpa strizza l’occhio alle super-ammortizzate con queste Infinity, che si sono rivelate essere una bella sorpresa tra i nuovi prodotti creati con Marco De Gasperi.

Il comfort si sente subito, anche perché proteggono molto bene.

L’ammortizzazione c’è, e si sente. Tende ad essere piuttosto densa, il che dona anche una buona reattività alla scarpa. E soprattutto stabilità.

E non poteva essere altrimenti visto che Scarpa se ne intende di percorsi complicati, sa che il piede ha bisogno di sentirsi sicuro in ogni situazione e che per avere stabilità bisogna dare anche un po’ più di rigidità, anziché troppa morbidezza.

Sono anche traspiranti, quel che basta per non creare troppa umidità.

La suola monta la Vibram Megagrip, che abbiamo imparato ad amare anche in alcune Hoka e che davvero porta l’aderenza a livelli superiori. Su questo punto siamo al top.

Non male neanche per alcuni tratti di asfalto.

Non sono leggerissime, ma sono inaspettatamente divertenti da usare.

SCARPA Spin Infinity, Trail Running Uomo, Blu (Azure Ottanio Arsf...
  • SPIN INFINITY è la scarpa da trail running dedicata alle lunghe distanze.
  • Forma precisa e avvolgente che permette una maggiore libertà nella zona dell'avampiede
  • Tomaia leggera e traspirante

La Sportiva Cyclon

In sintesi: perfette per le skyrace

Il sistema Boa è certamente la caratteristica che colpisce di più di queste Cyklon.

Si tratta di un metodo che rivoluziona il modo di allacciarsi le scarpe, per certi versi simile al Quicklace della Salomon, ma molto più evoluto.

Basta girare la manopola che si trova sul lato della scarpa per regolare la tensione sulla scarpa. E non serve togliersi i guanti, funziona comunque.

Provviste di ghetta che evita ai detriti di infilarsi nella scarpa e costringerci a fermarci, le Cyklon sono scarpe nate per andare veloci su sentieri di montagna, quelli più duri e difficili.

Precise e con un’aderenza degna di nota, sono anche un modello molto stabile, quindi ideale se vi piacciono le competizioni skyrace o volete semplicemente una scarpa agile ma protettiva da portare sui sentieri.